#Oscar2014 – a parte un attimo che ho chiuso gli occhi, io c’ero

Visto che questa notte sono stata sveglia tutta sola in pigiama a guardare la Notte degli Oscar su Scai, mi sembra giusto adesso condividere un po’ con voi queste grandi emozioni che proprio non mi hanno fatto cadere la palpebra neanche un secondo. La Notte degli Oscar dura 7 ore, vi prometto che leggerete questo post in massimo 5 minuti.

Cominciamo dal red carpet e dal red dress di Jennifer Lawrence che anche quest’anno riesce a fare il suo ruzzolone (comunque meglio dell’anno scorso che è caduta salendo le scale per andare a ritirare l’Oscar). Continuo a sostenere che Jennifer sia simpaticissima e adesso che sta con Tony di Skins, anche noto come il bambino di About A Boy, poi la stimo ancora di più. Tuttavia penso che già l’anno scorso si sia presa un Oscar immeritato quindi va bene che quest’anno sia rimasta seduta.

oscarjennifer

Ma tutti gli occhi di questo red carpet sono per Lupita Nyong’o, 31 anni (ma ne dimostra 19), nata in Messico, cresciuta in Kenya e laureata negli Usa. E’ ideatrice, regista e produttrice del documentario In My Genes che ha vinto numerosi premi e vincitrice dell’Oscar come miglior attrice non protagonista. Nonostante tutte queste belle cose il vestito con costole a vista e il cerchietto da cinderella con sotto capelli a spazzola rock non c’azzeccano (ma tutti gli “esperti” mi danno torto quindi buon per Lupita).

Guardian Oscars Lupita Nyong'o

Le coppiette di candidati Cate Blanchett e Sally Hawkins (Blue Jasmine) e Matthew McConaughey e Jared Leto (Dallas Buyers Club) si vestono uguali! Bah, son scelte.

gemelli

Leonardo di Caprio è il re del red carpet anche se ho l’impressione che questa sia l’ultima volta che si presenta all’evento. Anche quest’anno infatti 3 ore di incredibile interpretazione del Lupo di Wall Street non gli sono valse la statuetta (a cui comunque è troppo superiore per ambire). Mobbasta.

leonardo

Vediamo le coppie più scoppiate della serata: come sempre i Brangelina non possono mancare (lei ha un vestito davvero trasparente!). Ma anche i signori Smith se la passeggiano allegramente e dicono alla giornalista di essere lì per beccare tutti i loro amici (lei è una zarra rara). Scoop peso che io non sapevo ma forse voi sì: Harrison Ford è sposato con Ally McBeal (lei 50 anni, lui 73)!

oscarbrangelina

Basta red carpet, passiamo alla classifica dei momenti clou della serata a partire dall’ultimo:

3)      Ellen Degeneres degenera e ordina la pizza ma la offre solo ai più fighi in prima fila a destra (ovviamente i leader di questa cerchia sono Brad e Angelina) e a Kerry Washington perché è incinta (Olivia Wilde io fossi in te mi offenderei) (anche se bisogna ammettere che il suo pancione è più grosso).

2)      Il fratello di Lupita Nyong’o, che non c’è neanche su Wikipedia per dirvi quanto è unknown, si imbuca nel selfie di gruppo (è l’immagine di copertina del post) destinato a diventare il tweet più condiviso della storia (addirittura copre Angelina di cui si vede solo la mano). Idolo indiscusso.

1)      Nel suo discorso di ringraziamento, la miglior attrice protagonista Cate Blanchett fa un elaborato complimento a tutte le competitors (Amy Adams, Sandra Bullock, Judi Dench) e liquida Maryl Streep (che avrebbe dovuto vincere il premio al posto suo per la sua interpretazione in August: Osage County) con un ”how can I say”. Ma non è tutto! Cita Julia Roberts, candidata come non protagonista per lo stesso film. A Sandra Bullock addirittura dice che potrebbe riguardare Gravity fino alla fine dei suoi giorni (boh anche no).

oscarpizza

Ma ora andiamo a vedere la classifica per il miglior discorso di ringraziamento:

3)      Sorrentino che parla di tre quarti, senza guardare il pubblico, con un inglese imbarazzante e cita come modelli i Talkin Heads, Fellini, Scorsese e Maradona. In compenso la faccia di Toni Servillo alla sua destra non ha prezzo!

2)      Matthew McConaughey che vuole ringraziare Dio perché è il suo modello (the one I want to look up to!!). Non posso smettere di pensare a cosa avrebbe detto Leo al suo posto. Non lo sapremo mai.

1)      Il primo posto va indubbiamente a Cate Blanchett che nonostante la gaffe dice una cosa molto bella anche se un po’ ridicola da dire sul palco del Dolby Theatre: smettete di pensare che i film incentrati su personaggi femminili siano film di nicchia, la gente li guarda e guadagnano tanti soldi.

oscarsorrentino

Chiudiamo con una menzione ai tre grandi sconfitti della serata:

3)       American Hustle che non ha vinto neanche un mezzo premio pur avendo ben 10 dieci nominations! Ma è giusto così perché non ne meritava neanche una.

2)      Sandra Bullock che era sicura al 100% di vincere come protagonista di Gravity (dove è davvero pessima). Grazie a dio non ha vinto, se no avrei perso la scommessa e avrei dovuto farmi un piercing in ogni parte del corpo che si è rifatta.

1)      Leonardo di Caprio di cui non voglio parlare perché questo Oscar, come quello per Buon Compleanno Mr Grape, per Django Unchained e per The Aviator se lo meritava davvero più di chiunque altro.

sandra bullock

Basta, non vado avanti oltre ma vi lascio con delle inquietanti domande a cui non sono riuscita a dare una risposta:

–          Dove diavolo erano Joaquin Phoenix e Scarlett Johasson, protagonisti di Her che ha vinto per la miglior sceneggiatura? (Olivia Wilde c’era)

–          Perché Whoopi Goldberg era vestita… così?

–          Cosa c’entrano Emma Watson e Zac Efron? Sono i volti della nuova generazione di Hollywood?

E con questo finisco, giuro che ora basta con le cose serie, torno a scrivere recensioni

86th Annual Academy Awards - Show.

Annunci

3 pensieri su “#Oscar2014 – a parte un attimo che ho chiuso gli occhi, io c’ero

  1. Avrei voluto star sveglia anche io tutta la notte, diamine!
    Leo si merita anche i premi che non esistono, cazzo. E anche Jonah Hill se lo meritava, ma capisco che sia andato a Jared Leto, lo capisco.
    Non avrei incluso American Hustle nella lista onestamente, anche se la messa all’ingrasso di Christian Bale é impressionante.. sta diventando la nuova Renee Zellweger? 😀
    Pollici in su per Lupita, e per il fratello, che ha vinto. Cioé gli altri avranno pure dei premi, ma vuoi mettere?! Uno sconosciuto in posa coi divi di Hollywood, nemmeno per sbaglio o per photobombing, addirittura invitato nello scatto. Top.

  2. Con grande gioia leggo i tuoi post che mi ero perso. Anch’io sono stato sveglio tutta la notte per gli Oscar, come da tradizione, e concordo in tutto e per tutto con le tue opinioni (salvo forse la tua stima di dell’interpretazione Di Caprio in Django Unchained). Pollice in su anche per il post su 12 Anni Schiavo. Brava!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...